Biblioteca

La Biblioteca del Regio Museo Archeologico si forma tra il 1894 e il 1896 grazie all'acquisizione di pubblicazioni monografiche e periodiche utili come supporto scientifico alle collezioni museali, che si andavano organizzando ed incrementando presso la nuova sede in Palazzo de' Nordis. Parallelamente a queste pubblicazioni, vi trovarono sistemazione antichi fondi archivistici e librari, alcuni di recente demanializzazione (Archivio e Biblioteca ex-Capitolare), altri strettamente legati al nucleo primitivo della  collezione archeologica ed alla storia degli scavi in Cividale (Fondo Manoscritti Michele della Torre e Valsassina).

Da allora la Biblioteca così costituitasi ed i Fondi archivistici rappresentano un insieme inscindibile ed un fondamentale punto di riferimento per studiosi e ricercatori di archeologia, storia dell’arte e storia locale.

Nel corso del Novecento acquisti, scambi e doni di pubblicazioni inerenti all'archeologia e alla storia dell'arte, incrementarono il posseduto fino a raggiungere la consistenza di circa 20000 volumi.

La Biblioteca è ospitata all'ultimo piano del Museo ed è fruibile su appuntamento da lunedì a venerdì; da marzo del 2009, essa aderisce al Sistema Bibliotecario del Cividalese ed è possibile consultare il catalogo dei volumi dal 1850 al 2001 in rete, accedendo al portale Sistema Bibliotecario Cividalese

bilioteca palazzo de nordis